Ver. 1.8
 CONTATTO  HOME
English

LOG-IN
DATI AGGREGATI
ESITO AGGREGAZIONI
BUCHI DI TENSIONE 2006÷2008

Domande frequenti

Termini e Definizioni
TENSIONE NOMINALE (Un)
Tensione con la quale una rete di alimentazione è caratterizzata o identificata e alla quale si riferiscono alcune caratteristiche di funzionamento.

MEDIA TENSIONE (MT)
Tensione il cui valore efficace nominale è 1 kV < Un > 36 kV

TENSIONE DI ALIMENTAZIONE DICHIARATA (Uc)
La tensione di alimentazione Uc concordata tra l'operatore della rete di distribuzione e l'utente della rete, generalmente, coincide con la tensione nominale Un ma puo essere diversa.

FLICKER
L'impressione d'instabilita della percezione visiva indotta da uno stimolo luminoso la cui luminanza o la cui distribuzione spettrale fluttua nel tempo. Le fluttuazioni di tensione causano variazioni di luminanza delle lampade che, a loro volta, possono determinare il fenomeno visivo chiamato flicker. La severita del flicker è valutata mediante le seguenti quantita:

Severità di breve durata (Pst) misurata in un intervallo di dieci minuti;

Severità di lunga durata (Plt) calcolata a partire da una sequenza di dodici valori di Pst su un intervallo di due ore, secondo la formula seguente:

ARMONICHE DI TENSIONE
Tensione sinusoidale la cui frequenza e un multiplo intero della frequenza fondamentale della tensione di alimentazione.
Le tensioni armoniche possono essere valutate:

singolarmente, secondo la loro ampiezza relativa (Uh) che è la tensione armonica rapportata alla tensione fondamentale U1, dove h rappresenta l'ordine dell'armonica;

globalmente, per esempio con il fattore di distorsione armonica totale THD, calcolato utilizzando la formula seguente:

VARIAZIONE RAPIDA DELLA TENSIONE
Variazione rapida singola del valore efficace della tensione tra due livelli consecutivi mantenuti per durate definite ma non specificate

INTERRUZIONE DELL’ALIMENTAZIONE
Condizione nella quale la tensione ai terminali di fornitura è inferiore al 5 % della tensione di riferimento. Un’interruzione di alimentazione può essere classificata come:

interruzione breve (fino a 3 minuti );

interruzione lunga (maggiore di 3 minuti).

BUCO DI TENSIONE
Riduzione temporanea della tensione efficace in un punto nel sistema di alimentazione elettrica al di sotto di una soglia specificata. La soglia di inizio del buco è uguale al 90 % della tensione di riferimento.

DURATA DEL BUCO DI TENSIONE
Tempo tra l’istante in cui la tensione efficace in un punto particolare di un sistema di alimentazione elettrica cade al di sotto della soglia di inizio e l’istante in cui risale fino alla soglia di fine.

TENSIONE RESIDUA DEL BUCO DI TENSIONE
Valore minimo della tensione efficace registrato durante un buco di tensione. Solitamente la tensione residua è espressa in percentuale della tensione di riferimento.

SOVRAELEVAZIONE DI TENSIONE
sovratensione temporanea a frequenza di rete aumento temporaneo della tensione efficace in un punto del sistema di alimentazione elettrica al di sopra di una soglia di inizio specificata. La soglia di inizio della sovraelevazione di tensione è uguale al 110 % della tensione di riferimento.

DURATA DELLA SOVRAELEVAZIONE DI TENSIONE
tempo tra l’istante in cui la tensione efficace in un punto particolare di un sistema di alimentazione elettrica supera la soglia di inizio e l’istante in cui essa cade al di sotto della soglia di fine.

SQUILIBRIO DI TENSIONE
in un sistema polifase, condizione nella quale i valori efficaci delle tensioni tra le fasi (componente fondamentale), o gli angoli di fase tra tensioni di fase consecutive, non sono tutti uguali.

Dati Aggregati
Dati di Dettaglio
Il progetto in breve

Ricerca sul Sistema Energetico - RSE S.p.A.  © 2019 - p.i. IT05058230961 - - Note legali - Privacy/Cookies